ROCKY

ROCKY

Rocky viene dal Libano dove viene segnalato ad una volontaria dalla figlia che a sua volta ricevette una segnalazione: I proprietari non volevano più tenerlo perché vittima di un investimento che l’ha reso paraplegico e non avevano intenzione di spendere soldi ed energie per farlo riprendere, non venne curato, sviluppò piaghe con annessi vermi e non gli vennero nemmeno somministrati farmaci per il dolore.
Rocky è stato recuperato e portato subito dai veterinari che, purtroppo, riferirono che non c’erano margini di miglioramento, dai raggi X emerse che qualcuno gli aveva anche sparato, consigliarono addirittura l’eutanasia causa il forte dolore che stava provando che, però, non venne accettata.
Dopo tantissime visite un veterinario propose di provare una massiccia terapia del dolore che venne portata avanti, venne trovato uno stallo da un infermiera che riuscì a farlo riprendere molto bene ma, purtroppo, vivendo in un appartamento, non aveva la possibilità di farlo uscire spesso e, soprattutto, di farlo girare con un carrellino, per questo quando lo portava fuori veniva sollevato con una sorta di cintura che gli ha provocato massicce escoriazioni al pene.